Creatore bag Lulu Castagnettenavy 24x21x7 cm

B071LTJC64

Creatore bag Lulu Castagnettenavy - 24x21x7 cm.

Creatore bag Lulu Castagnettenavy - 24x21x7 cm.
Creatore bag Lulu Castagnettenavy - 24x21x7 cm. Creatore bag Lulu Castagnettenavy - 24x21x7 cm. Creatore bag Lulu Castagnettenavy - 24x21x7 cm. Creatore bag Lulu Castagnettenavy - 24x21x7 cm.

IL PROGETTO INIZIALE

Il Teatro Sociale è nato nell’anno in cui sono nati Giuseppe Verdi e Richard Wagner (1813). Già nel 1807 vi erano trattative per l’acquisizione dell’area del Castello della Torre Rotonda denominata ‘luogo delle rovine’, da usare per la costruzione del Nuovo Grande Teatro di Como. Promotore dell’iniziativa il conte Giampietro Porro, presidente della commissione e podestà di Como. Il castello fu costruito dai Rusca all’incirca attorno alla seconda metà del 1200, e dopo vari adattamenti e manomissioni, cinque secoli dopo finì in rovina e in abbandono. La cessione di ogni diritto sull’area del castello venne firmata nella riunione del consiglio comunale del 31 gennaio 1809, presieduta da Alessandro Volta. I muri perimetrali del castello si possono osservare ancora oggi, e limitano il teatro e l’area dell’arena del teatro stesso. Nel 1811 cominciarono i lavori di costruzione del teatro ed il progetto fu affidato all’architetto Giuseppe Cusi. La sera del 28 agosto 1813 si alzò per la prima volta il sipario del Teatro Sociale di Como: in scena Adriano in Siria di Antonio Fonseca Portugal e I Pretendenti delusi di Giuseppe Mosca. Molti furono gli interventi successivi e i restauri: 1838 intervento di manutenzione straordinaria, 1855 ampliamento, 1864 gas, 1899 luce elettrica. Nel 1855, ad opera dell’architetto Leopoldo Rospini, vi fu l’ampliamento del teatro con l’aggiunta di 38 palchi: 12 grazie all’ampliamento della platea, gli altri, ricavati nel quarto ordine già esistente. Per la costruzione del quinto ordine, il loggione, fu necessario sopraelevare il fabbricato sacrificando la volta originale del 1813, attribuita ad Alessandro Fiori, che rappresentava l’incoronazione di Vittorio Alfieri, poeta astigiano, e intorno a lui Baccanti, candelabri e festoni.

RESTAURI

L’attuale dipinto della volta del soffitto, che rappresenta le muse che scendono dall’Olimpo ad incoronare gli artisti, è opera di Eleuterio Pagliano su progetto di Gaetano Spelluzzi, eseguito durante i restauri del 1855. Dopo il restauro in teatro si potevano ospitare sino a 2000 persone (posti in piedi in platea e ingressi in piedi nel loggione). Nel 1864 l’illuminazione a gas sostituì completamente l’illuminazione a candela. Anche il lampadario centrale fu cambiato con una elegante lumiera donata dal Comune. Nel 1899, in occasione del centenario dell’invenzione della pila di Alessandro Volta, il teatro fu dotato della luce elettrica. Nel 1909 furono poi aboliti i palchi di quarto ordine a beneficio di un’unica galleria, per assecondare la crescente richiesta del pubblico comune. La sala ha attualmente la forma di cassa di violoncello e le murate hanno una struttura in legno con 5 ordini di posti di cui: 3 ordini per i 72 palchi di proprietà privata, oltre al palco reale, e 2 ordini per le gallerie (IV e V ordine). Il teatro possiede un sipario storico di Alessandro Sanquirico, grande scenografo e pittore della prima metà del 1800, che rappresenta la morte di Plinio il Vecchio durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Nel 1938, l’Arena del Teatro Sociale veniva trasformata in teatro stabile all’aperto, con una struttura progettata dall’Ing. Ponci, capace di contenere fino a 4000 persone. Oggi il palcoscenico e le strutture sono in un desolante stato di abbandono e la platea ridotta ad avvilente posteggio per automobili. Nel 1984, per l’adeguamento alle norme di sicurezza, il teatro fu chiuso per restauri, ma la tenacia della Società dei Palchettisti, che si fece interamente carico degli oneri economici, riconsegnò alla città il suo Teatro, che riaprì il 23 ottobre 1988. I lavori di restauro proseguirono col rifacimento del tetto e il ripristino e la tinteggiatura dell’intero edificio, oggi, riportato al suo stato originario. Con un accordo di programma sottoscritto nel 2005 da Società dei Palchettisti, AsLiCo, Regione Lombardia, Comune e Provincia di Como, il Teatro è stato nuovamente sottoposto ad accurati lavori di restauro, che hanno interessato gli stucchi, la volta, il palcoscenico e, di recente, la sostituzione completa delle poltrone della platea. Nel 2013 è stato abbattuta la torre scenica degli anni ’30, ormai in totale stato di abbandono, e recuperata la facciata posteriore del Teatro, opera dell’architetto  Cusi. L’Arena del Teatro Sociale, utilizzata per spettacoli all’aperto fino agli anni ’60 (quando è poi diventata un parcheggio) è stata restituita alla città nel giugno 2013 con i 200.Com Carmina Burana, ambizioso progetto dell’AsLiCo.

  • Bags4Less Tipi, Borsa a tracolla Donna nero nero
  • Sport
  • Prendiamo Hitler e Stalin: capi di movimenti ideologici completamente opposti, eppure, molto  simili  in termini pratici.

    Quello a cui stiamo assistendo è che il pluridecennale liberalismo postbellico si è disintegrato in un  drunknmunky boston classic 119 redgrey Blu
    , perché ha creato una cultura di idealismo disconnesso e non ha in realtà affrontato i problemi esistenti fra la popolazione. Al contrario, ha permesso un comportamento sconsiderato che ha portato le nostre società  in uno stato senza equilibrio  e, per questo,  potenzialmente pericoloso .

    Anche il neoliberalismo è arrivato a un limite in cui, gradualmente,  HotStyleZone, Poschette giorno donna M Pink
    . Questa fine inevitabile è evidente nell'aumento delle tendenze nazionalistiche in tutto il mondo e ci spinge a un cambiamento di rotta.

    Israele ha rimosso i metal detctor all’ingresso della spianata delle moschee, a Gerusalemme. Ma i palestinesi chiedono che vengano tolte anche le telecamere di sicurezza. La Giordania, custode dei luoghi santi musulmani a Gerusalemme, avrebbe raggiunto un’intesa con Israele sulla soluzione della crisi della spianata delle moschee tirando in ballo la sorte del diplomatico dell’ambasciata israeliana ad Amman, accusato di aver ucciso due giordani. Re Abdallah aveva chiesto al premier israeliano Benjamin Netanyahu, in un colloquio telefonico, di interrompere tutte le misure di sicurezza sulla spianata delle moschee.

    Il 10 maggio 2017, il presidente di Sogemi Cesaro Ferrero  ha presentato un piano di rifacimento  per l’intera area dell’ortomercato, chiedendo una delibera entro la pausa estiva.

    Due settimane prima,  intervistato da Radio Onda d’Urto , aveva ribadito peraltro che la responsabilità della decisione finale sulla palazzina di viale Molise è del comune di Milano. La giunta stessa si era detta disposta al dialogo; e di questa apertura aveva subito approfittato Macao, giocando al rilancio e  Fritzi aus Preußen Karla, Borsa a mano donna Nero
    .